È iniziata anche quest’anno l’estate delle mancate iscrizioni in Serie B e C, con vittime più o meno illustri dei parametri di bilancio che dicono addio ai campionati di appartenenza oppure restano in un limbo in attesa di condanna definitiva o “grazia” degli organi della Federazione. Non ha ottenuto il pass per l’iscrizione in B il Palermo: la Lega dice che nei tempi previsti (la mezzanotte di lunedì), dal club rosanero non è arrivata la fideiussione da 800mila euro necessaria all’iscrizione. Il patron Tuttolomondo ha rassicurato la piazza: la polizza c’è, ad opera di una società bulgara, la Lev Ins Insurance, e solo un disguido tecnico ne ha impedito la trasmissione. Per i rosanero saranno cruciali i prossimi giorni: la Covisoc – Commissione di vigilanza sulle società di calcio professionistiche – depositerà il proprio parere entro il 4 luglio. Un iter che ricorda quello dell’Avellino lo scorso anno, conclusosi negativamente con la ripartenza dalla D.

Ma se i rosanero possono ancora sperare, molto più dura è la situazione dei tifosi del Foggia: i rossoneri non sono riusciti ad iscriversi alla Serie C, sembra a causa del disinteresse di alcuni imprenditori che avrebbero dovuto garantire la somma necessaria a partecipare al campionato. Non è bastato l’impegno del sindaco e dei tifosi che le hanno tentate tutte, dalla colletta al presidio sotto l’azienda della ex proprietà. Per il Foggia lo scenario più probabile è la ripartenza dalla D, con il sindaco che dovrà trovare una nuova proprietà.

Anche in questo caso la situazione ricorda quella vissuta un anno prima da un’altra piazza importantissima del sud: Bari, ripartita dai dilettanti, così come il Cesena, per fare un altro esempio. Quest’estate dicono addio al professionismo anche la Lucchese, l’Albissola (anche per il problema stadio, altra grana atavica dei club italiani oltre ai conti) e il Siracusa. Rischia parecchio anche la sarda Arzachena che avrebbe consegnato una documentazione incompleta.  Ce l’ha fatta invece il Trapani, dopo l’inaspettata promozione, a garantire l’iscrizione in serie B.

Ora si apre la fase “giudiziaria”: la Covisoc, l’organo di vigilanza della Figc, darà le prime sentenze. Poi si potrà fare domanda di riammissione o ripescaggio e fino all’8 luglio si potrà ricorrere, il 12 luglio il Consiglio federale darà i verdetti definitivi sugli organici di Serie B e Lega Pro (anche se lo scorso anno si è andati ben oltre).

Un dato: per tutte le squadre che dopo anni di tribolazione lo scorso anno sono ripartite da zero c’è stato subito un primo riscatto. Avellino, Bari e Cesena hanno vinto i rispettivi gironi di Serie D tornando subito tra i professionisti. Più che di salvataggi a ogni costo, tra bilanci dubbi, disimpegni societari e infiniti ricorsi che rimbalzano tra le aule della giustizia sportiva e quella ordinaria, il bisogno vero delle società è quello di avere progettualità serie, magari anche a costi di dolorose ripartenze da zero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiale femminile, a Montpellier Italia-Cina: obiettivo quarti di finale. Ma la vera sfida è un’altra: il professionismo

prev
Articolo Successivo

Alessandro Arlotti, l’italiano di Francia che l’Under17 ha strappato ai cugini rivali

next