Otto chili di pregiatissima carne giapponese scaduta e 68 chili di pesce di provenienza ignota. Così uno dei ristoranti più esclusivi della Puglia finisce nei guai per “gravi irregolarità”. Nel mirino della Guardia Costiera è Grotta Palazzese di Polignano a Mare, luogo esclusivo a strapiombo sul mare in una cavità naturale dove i menù degustazione variano dai 180 ai 220 euro a persona.

Durante l’ispezione nelle cucine e ai frigoriferi della struttura, i militari hanno rinvenuto 8 kg di carne wagyu, un bovino orientale il cui consumo in Italia sta crescendo, scaduta a maggio e 68 kg di pesce privo di indicazione di tracciabilità. I prodotti sono stati sequestrati e il titolare dovrà pagare 5.500 euro di multa

Nel pomeriggio lo chef executive del ristorante, Felice Sgarra, e il vicedirettore Riccardo Sgarra si sono scusati “per l’involontario errore in cui siamo incorsi e precisiamo che la proprietà e l’amministratore della società sono assolutamente estranei ai fatti contestati, essendo affidata unicamente a noi la responsabilità delle materie prime e dei prodotti utilizzati nell’attività ristorativa”.

In una nota, i due specificano che “non v’è mai stato alcun rischio per la salute, poiché Grotta Palazzese ha sempre privilegiato prodotti di alta qualità nel rispetto della sicurezza alimentare. In questo caso l’unico errore che ci rimproveriamo è quello di non aver prestato attenzione alle etichette”.

Sanzione meno salata, ma irregolarità simili in un altro ristorante della cittadina barese, La Tana Marina di Cala Paura, dove la Guardia Costiera ha ritrovato 95 chili di prodotti ittici senza etichettatura e quindi di provenienza sconosciuta. In questo caso, il proprietario della struttura dovrà sborsare 1.500 euro di multa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Povegliano, scarcerato il 21enne che causò l’incidente con una sterzata: “Non provocò l’incidente volontariamente”

prev
Articolo Successivo

Sanità, preferire le mutue private al pubblico è un atto di immoralità – Ministra Grillo: ‘Criticità, ma la norma non è mia’

next