I pagamenti digitali sono sempre più diffusi, Google ha deciso di semplificare le operazioni ai suoi clienti ampliando la collaborazione con PayPal, uno dei maggiori operatori del settore. Non è una rivoluzione a 360 gradi, perché l’integrazione di PayPal con la piattaforma di pagamento Google Pay risale al 2018. Finora però l’utente poteva fare acquisti solo per un numero limitato di servizi, come ad esempio Gmail, YouTube o il Play Store. Ora la stessa opzione verrà estesa a tutti gli store online che accettano come metodo di pagamento Google Pay.

In altre parole, si potranno accettare pagamenti PayPal con Google Pay in tutti i 24 Paesi (fra cui l’Italia) in cui i clienti possono collegare il proprio account PayPal a Google Pay. Serve solo che i commercianti abilitino PayPal come metodo di pagamento nella loro integrazione con Google Pay. Un passaggio che richiede una minima modifica tecnica, grazie alla quale qualsiasi acquirente online potrà selezionare PayPal per il pagamento tramite Google Pay, senza prima dover accedere al proprio account PayPal.

Un risparmio di tempo dovuto al taglio del numero di passaggi da fare, e un’immediatezza che lascia intatti tutti i vantaggi relativi alla protezione dei dati o alle politiche di restituzione e rimborso garantite da PayPal.

I venditori, dal canto loro, potranno continuare a ricevere i pagamenti direttamente sul proprio conto in pochi minuti. L’estensione dell’integrazione tra i due sistemi di pagamento è disponibile a partire da oggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Perché il connettore USB non è sempre stato reversibile? L’ha svelato uno degli inventori

next
Articolo Successivo

Wiko View 3 è lo smartphone da 150 euro per chi non ha troppe pretese

next