In Italia conta circa 1600 imprese impegnate e un fatturato di 11 miliardi di euro. È l’economia senza contante, quella cioè che permette di effettuare spese in assenza di banconote e monete. Una rivoluzione nel mondo dei pagamenti che punta alla cosiddetta “cashless society”, letteralmente una società senza contanti, più smart, veloce e, per certi aspetti, anche più sicura. Leader in Europa sono Regno Unito e Svezia, paesi in cui l’utilizzo di pagamenti elettronici, tramite debit card (ossia bancomat), applicazioni e altri dispositivi, ha quasi sostituito la tradizione. Merito anche delle grandi catene di ipermercati e negozi che hanno deciso di non accettare più contanti. Un rivoluzione culturale che, secondo le rispettive banche centrali dei due Paesi, la Banca d’Inghilterra e la Riksbank, a lungo andare potrebbe costituire un rischio, soprattutto perché esclude una grande fetta di popolazione che non ha ancora accesso ai pagamenti elettronici.

Il fenomeno in Italia ha ancora numeri contenuti. Anzi, secondo il rapporto 2019 della Community Cashless Society, la piattaforma-osservatorio creata dalla The European House Ambrosetti, il contante circolante sulla penisola è in costante aumento, passato dai 127 miliardi del 2008 ai 197 del 2017. Eppure i vantaggi di una spesa senza il tintinnio dei soldi spicci sono risaputi. Non solo app e bancomat sono più agili e veloci, ma soprattutto sono più sicuri perché permettono una tracciabilità costante dei pagamenti. I metodi sono molteplici e vanno dalle ormai conosciute carte ai più moderni optional messi in campo dalle stesse case produttrici di smartphone, come il sistema Apple pay. Ma vediamo insieme quali sono le opzioni oggi disponibili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sblocca-cantieri, riforma codice appalti: chi non paga le tasse è fuori dalle gare

prev
Articolo Successivo

Dichiarazione dei redditi, precompilata 2019 ai blocchi di partenza con la nuova tornata di detrazioni e deduzioni

next