Lewis Hamilton conquista la seconda pole position numero 86 della carriera, la terza della stagione. Anche sul circuito di Le Castellet, nel gp di Francia, il campione del mondo è il più veloce di tutti durante le qualifiche fermando il cronometro sul 1’28″319 che vale il record della pista e tiene a oltre 3 decimi l’altro uomo Mercedes, Valtteri Bottas. Terzo il ferrarista Charles Leclerc.

Molto più indietro Sebastian Vettel, che partirà dalla settima posizione dopo aver fatto ben sperare durante la Q2 e sembrava stesse dando continuità all’ottima prestazione in Canada, ‘strozzata’ dalla decisione dei commissari di penalizzare il rientro il pista con 5 secondi di penalità che gli avevano negato la vittoria. “È mancato il feeling con la macchina però penso che possiamo fare una buona gara”, ha detto il tedesco.

Meglio di Vettel hanno fatto Max Verstappen su Red Bull e le McLaren di Lando Norris e Carlos Sainz. Scatterà in ottava posizione la Renault di Daniel Ricciardo, mentre la Red Bull di Pierre Gasly ha messo in fila il nono tempo. Buon decimo tempo per il pilota pugliese Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) che conquista così la sua prima top ten in carriera. “Sono felice, ho tirato fuori il massimo dalla macchina, ha detto Hamilton. “Non è una pista facile ma noi siamo riusciti a essere veloci per tutto il weekend – prosegue il britannico – Ci sono state alcune folate di vento nel terzo settore e tutto questo ti costringe a essere piuttosto dinamico nel tuo approccio al giro. Sono felice perché sono primo e abbiamo lavorato tantissimo per conquistare questo risultato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrari, ricorso contro la penalità che è costata la vittoria a Vettel in Canada

prev
Articolo Successivo

Formula Uno, nel Gp di Francia è di nuovo doppietta Mercedes: Hamilton davanti a Bottas. Leclerc 3°, Vettel giù dal podio

next