Ha cosparso il corpo della figlia di benzina e ha tentato di darle fuoco perché non tollerava che si vestisse all’occidentale. A salvare la vita alla ragazzina 15enne di Arcade (Treviso) è stato il fatto che l’accendino del padre, di origini marocchine e residente da anni in Italia, si è inceppato. L’uomo è stato arrestato per maltrattamenti dopo che la madre della giovane si è rivolta ai servizi sociali denunciando l’episodio. Madre e figlia si trovano attualmente in un centro protetto.

Nonostante la famiglia fosse da tempo in Italia, l’uomo, impiegato in un’azienda della zona, voleva che la ragazza seguisse i precetti islamici. Dopo l’ennesima lite per la lunghezza delle maniche dell’abito, ha afferrato una tanica di benzina e l’ha cosparsa di liquido infiammabile cercando, senza riuscirci, di darle fuoco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, suicida professore ai domiciliari per chat erotica con due studentesse

prev
Articolo Successivo

Bergamo, carabiniere travolto e ucciso al posto di blocco. Al conducente era già stata ritirata la patente nel 2018

next