“Oggi posso dire che, prima ancora di dichiararci orgogliosi di essere gay lesbicahe e trans, di essere bisessuali, intersex, siamo orgogliosi di essere umani, di restare umani“. Così Vladimir Luxuria, alla testa del corteo del Roma Pride per rivendicare i diritti lgbt. “Siamo qui a ribadire che essere umani significa non respingere nessuno, né per l’orientamento sessuale né per il colore della pelle, né per la classe sociale o la fede religiosa, significa salvare le vite umane, significa credere che una vita umana è più importante di una merce da difendere. Un messaggio a Salvini? Io penso che debba smetterla di imitare la nostra icona dei Village people, perché se c’è stato qualcuno che aveva tutto il diritto di indossare delle divise meravigliose erano i Village People. “

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Natalia Ponce De León, la colombiana aggredita con l’acido che cambiò la legge: “Lotto per vittime rifiutate da famiglie”

prev
Articolo Successivo

Roma Pride, organizzatori: “Siamo 700mila”. Famiglie arcobaleno: “Per noi genitori chiediamo doveri, non diritti”

next