“La partecipazione della nazionale di calcio femminile italiana ai mondiali è una soddisfazione personale delle giocatrici, ma anche un impulso per tutto il movimento del calcio femminile”. Lo racconta l’allenatrice dell’Italia Milena Bertolini, in vista del calcio d’inizio della coppa del mondo femminile, al via il 7 giugno in Francia.  L’Italia si è qualificata dopo vent’anni di assenza dal torneo.  Dopo l’esclusione dell’Italia maschile dal mondiale 2018 è nuovamente lo sport femminile quindi a portare nel mondo la maglia della nazionale. “Siamo consapevoli che il calcio è considerato nel pensiero medio collettivo italiano uno sport prevalentemente maschile – risponde la ct Bertolini – e che quando una donna entra in questo ambiente è vista in modo un po’ strano. Si risponde con l’indignazione collettiva e continuando a fare il proprio lavoro per dimostrare che il calcio femminile è di assoluto livello”.
“Tutte le giocatrici e le colleghe della mia età hanno subito discriminazioni. Oggi molto è cambiato – continua la ct delle azzurre – ho fiducia soprattutto nelle nuove generazioni. C’è ancora molto da lavorare e penso che il passaggio successivo sia il professionismo”. Il calcio femminile, infatti, è ancora considerato uno sport dilettantistico.  La nazionale calcio donne si sta avvicinando al mondiale con una serie di partite amichevoli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali calcio femminile 2019, l’Italia torna dopo vent’anni. A spingere la nazionale un movimento in forte ascesa

prev
Articolo Successivo

Mondiali Under 20, doppietta di Pinamonti e gol di Frattesi: Mali battuto (4-2), Italia in semifinale

next