La Lega punta a rimettere sul tavolo la questione Tav e spinge per ottenere un sì alla Torino-Lione forte dell’esito delle Europee e delle elezioni in Piemonte. “Le forze a favore hanno preso l’80%-85%. Se fosse stato un referendum l’esito mi pare chiaro”, ha voluto sottolineare Matteo Salvini in conferenza stampa al Viminale. Il ministro dell’Interno però ha anche specificato che può essere “rivisto”. “Rimodulato nel nome del risparmio e dell’impatto ambientale – ha spiegato – E sono sicuro che dall’Ue si possano avere altri fondi“. Comunque, già da quando Palazzo Chigi a inizio marzo scrisse a Telt (la società italo-francese aspirante costruttrice del Tav) e ottenne l’avvio delle sole “attività preliminari, senza alcun impegno” per l’Italia, il premier Giuseppe Conte era stato chiaro: il dossier è nelle sue mani.

Il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, che ha gestito l’analisi costi-benefici, ribadisce la posizione del M5s: “Non cambia assolutamente nulla, i miei dossier vengono gestiti oggi come venivano gestiti prima delle elezioni”. L’Alta velocità è uno dei temi su cui il Carroccio ha alzato il tiro dopo i risultati delle urne. Specialmente in Piemonte, dove il neo-governatore del centrodestra Alberto Cirio, come ha ribadito dopo lo spoglio, è apertamente a favore dell’opera.

Toninelli invece ha parlato al termine della riunione di maggioranza al Senato sul decreto sblocca cantieri, a cui erano presenti i relatori, Antonella Faggi (Lega) e Agostino Santillo (M5S), i capigruppo Massimiliano Romeo e Stefano Patuanelli e il viceministro leghista, Edoardo Rixi. Nel pomeriggio dalle agenzie di stampa era filtrata la volontà del Carroccio di presentare in Aula l’emendamento al decreto sblocca cantieri – già presentato e poi ritirato in commissione – che inserisce il Tav tra le “opere prioritarie” per le quali è necessario nominare un commissario di governo.

Al termine della riunione, lo stesso Rixi ha spiegato che la proposta di modifica diventerà invece un ordine del giorno. L’odg, ha detto il viceministro, “impegnerà il governo a commissariare le grandi opere escludendo le tratte transfrontaliere che non possono essere commissariate perché Telt è una società di diritto francese”. L’odg, ha aggiunto, sarà recepito in un Dpcm – Decreto del presidente del consiglio – quindi una norma attuativa.

Toninelli però ha ricordato che in questo modo si esclude automaticamente il Tav: “Non si può commissariare un’opera internazionale, mi sembra scontato, perché commissarieremmo anche il nostro partner francese dell’opera”, ha replicato. “Quindi – ha chiarito – il commissariamento del Tav non è mai esistito“. “L’accordo internazionale – ha insistito Toninelli – riguarda tutta la lunghezza di 57,5 km, non puoi commissariare solo la parte italiana perché Telt è un soggetto internazionale fatto di italiani e di francesi”.

Intanto proprio oggi, martedì, è scaduto il termine per la presentazione delle candidature agli ‘Avis de marchés‘, le manifestazioni di interesse per i bandi dei lavori di completamento del tunnel di base della Tav Torino-Lione in Francia, che riguardano un importo complessivo di 2,3 miliardi di euro. Le proposte verranno esaminate dalla commissione incaricata che avrà tempo tre mesi per selezionare le imprese ammesse a presentare un’offerta. Alla fine di quel lavoro la documentazione passerà al vaglio dei governi di Italia e Francia. Agli incontri di presentazione dei lavori, organizzati dalle associazioni di categoria a Roma, Parigi e Napoli (nel corso del World Tunnel Congress). hanno partecipato 90 aziende provenienti da 16 Paesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Salvini: “Forze a favore hanno preso 80-85%, l’esito è chiaro”. E a Conte: “Ha mia fiducia ma mantenga impegni”

next
Articolo Successivo

Forza Italia, tutti contro tutti dopo il flop. Berlusconi a Toti: “Invisibile se va via”. L’ex pupillo: “È il partito che sparirà”

next