Lewis Hamilton ha conquistato la pole position nel Gran Premio di Montecarlo, sesta tappa del Mondiale di Formula 1. L’inglese ha centrato la prima posizione in griglia con il tempo di 1’10”166, appena 86 millesimi meglio del suo compagno di squadra Valtteri Bottas, aggiudicando così una prima fila tutta Mercedes. Terzo l’olandese Max Verstappen con la Red Bull, che scatterà dalla seconda fila insieme alla Ferrari di Sebastian Vettel. Il tedesco ha sfiorato le barriere nel tentativo invano di migliorare il suo quarto tempo. Dalla terza fila partiranno Pierre Gasly con la Red Bull e Kevin Magnussen con la Haas.

Settimo Daniel Ricciardo (Renault) davanti a Daniil Kvyat (Toro Rosso) in una top ten completata da Carlos Sainz (McLaren) e Alexander Albon (Toro Rosso). Quindicesimo Antonio Giovinazzi con l’Alfa Romeo davanti alla Rossa di Charles Leclerc, uscito a sorpresa nella prima sessione di qualifiche. La pole odierna è la numero 85 per Hamilton, la seconda stagionale dopo quella al debutto in Australia. Il driver di Stevenage interrompe così il dominio al sabato del suo compagno di squadra Bottas, che aveva firmato le ultime tre pole consecutive.

A sorpresa l’altro ferrarista Charles Leclerc è stato eliminato nella prima sessione delle qualifiche ufficiali del Gran Premio di Monaco e non è andato oltre il 16° tempo. “Se sono più deluso o arrabbiato? Più deluso“, ha commentato il giovane pilota che a Montecarlo è di casa. Miglior prestazione in Q1 per Sebastian Vettel sull’altra Rossa (1:11.434) davanti alle Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formula 1, Niki Lauda era un supereroe

prev
Articolo Successivo

Gp Monaco, il podio: Hamilton trionfa a Montecarlo davanti a Vettel e Bottas

next