Arriva in Italia il 23 maggio il primo smartphone con connettività 5G. Si tratta dello Xiaomi Mi Mix 3 5G di cui avevamo parlato lo scorso autunno, e che sbarcherà nel Belpaese nella versione con 6 GB di memoria RAM, 64 GB di spazio di archiviazione interno e colorazione Sapphire Blue. Il prezzo è fissato ufficialmente a 699 euro, che non è poco in senso assoluto, ma è inferiore alle quotazioni medie dei top di gamma, che attualmente dispongono “solo” di connettività 4G.

Esteticamente è identico al modello 4G da 550 euro di cui trovate la recensione a questa pagina. Si tratta quindi di un top di gamma che ha la medesima configurazione, basata sul processore Qualcomm Snapdragon 855, e presumibilmente le prestazioni saranno allineate. Non cambiano nemmeno lo schermo Full HD+ da 6,39 pollici fabbricato con tecnologia Super AMOLED, e il comparto fotografico composto da una doppia fotocamera posteriore da 12 megapixel e una frontale da 24 megapixel.

La differenza è tutta nel modulo 5G, che assicura la compatibilità con la banda sub-6GHz, e che fa lievitare il prezzo al valore indicato. Più che un nuovo telefono, Mi Mix 3 5G è un tassello del progetto di Xiaomi per presidiare il mercato: l’azienda ha collaborato con i maggiori operatori telefonici italiani ai test sulle reti 5G e ha voluto assicurarsi di essere la prima ad annunciare per il nostro mercato un dispositivo in grado di sfruttarle.

Non passerà molto tempo prima che altri produttori facciano annunci in chiave 5G. Chi ha particolarmente fretta adesso ha un prodotto su cui puntare l’attenzione, tenendo però conto che i primi servizi 5G non saranno comunque attivi prima di fine anno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google Glass Enterprise Edition 2, realtà aumentata al lavoro

prev
Articolo Successivo

Honor 20 e 20 Pro, ecco i nuovi smartphone che costano 499 e 599 euro

next