“Questo è quello che abbiamo trovato nel suo stomaco“. La denuncia arriva da Greenpeace, direttamente dalle rive siciliane di Cefalù, in provincia di Palermo, dove qualche giorno fa è stato trovato un capodoglio di sette anni spiaggiato. Al suo interno, come mostra nel video un attivista dell’associazione, una grossa quantità di plastica. Il ritrovamento è avvenuto alla vigilia della partenza di una spedizione di ricerca e monitoraggio sullo stato di salute dei nostri mari, organizzata insieme a The Blue Dream Project. “Non possiamo certo far finta che non stia succedendo nulla», dichiara Giorgia Monti, responsabile campagna mare di Greenpeace Italia. “Sono ben cinque i capodogli spiaggiati negli ultimi cinque mesi sulle coste italiane. Nello stomaco della femmina gravida ritrovata a marzo in Sardegna sono stati trovati addirittura 22 kg di plastica. Il mare ci sta inviando un grido di allarme, un SOS disperato. Bisogna intervenire subito per salvare le meravigliose creature che lo abitano”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rifiuti, ogni passo sulle nostre spiagge ne incontriamo più di cinque: l’81% è di plastica, tra bottiglie, bicchieri e cotton fioc

prev
Articolo Successivo

Giornata mondiale delle api, in Italia azzerata la produzione di miele a causa dell’instabilità climatica: vola l’import

next