L’Osservatorio antifascista di Vittorio Veneto ha denunciato un candidato nelle prossime elezioni comunali per frasi razziste nei confronti dei migranti. Tancredi Sforzin è insegnante in una scuola primaria di Gaiarine, in provincia di Treviso, e su Facebook ha scritto numerosi post che istigano all’odio razziale, prendendosela in modo particolare con i migranti che sono ospitati nei centri di accoglienza del Vittoriese.

Inevitabile la polemica politica per un candidato che fa parte della lista leghista “Miatto sindaco”. Miatto, detto “Toni”, fu assessore tra il 2009 e il 2014 (si occupava di politiche agricole, turismo, politiche energetiche innovazione) durante il mandato di Gianantonio Da Re, che oggi è segretario della Liga Veneta e candidato alle prossime Europee per la lista di Salvini.

Tra le frasi postate da Sforzin in passato – e ora cancellate – c’è ad esempio: “Fanno pulire il Meschio ai negri quando non sono in grado di lavarsi nemmeno le mutande”. Oppure: “I negri del Ceis guardano i fuochi d’artificio gratis, senza aver versato un euro al comitato festeggiamenti”.

In occasione del tradizionale falò del Panevin (alla Befana) aveva scritto: “Stasera brucerò tutti i libri di Gramsci che troverò nella biblioteca di Vittorio Veneto. La comunità non ha bisogno di leggere quello schifo. Il fuoco sacro degli antichi curerà e guarirà tutti i mali del corpo e della mente. Panevin vs. Comunismo”.

L’osservatorio antifascista ha chiesto che il nome di Sforzin venga escluso dalle liste elettorali. Della vicenda si sta occupando anche il dirigente della scuola in cui Sforzin lavora che non era al corrente dei post. Adesso il docente potrebbe essere segnalato all’Ufficio scolastico provinciale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Comunali Sicilia, alle 19 affluenza per il ballottaggio al 32,6%. Tredici punti sotto i dati del primo turno

next
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, al M5s il derby di governo: vince a Caltanissetta e Castelvetrano. Lega sconfitta a Gela e a Mazara

next