8. Incolpato della morte di Nancy, il rocker venne arrestato e successivamente rilasciato su cauzione in attesa di processo. Sebbene il cantante avesse dichiarato di averla uccisa “perché sono un cane bastardo”, Alan Parker, nel libro “Vicious: too fast to live”, cerca di ricostruire con cura gli eventi di quella notte di ottobre, avanzando l’ipotesi che fosse innocente. Secondo Parker il vero assassino della fidanzata di Sid sarebbe uno spacciatore e aspirante attore newyorkese, Rockets Redglare, anch’egli morto qualche anno fa.

Infine nove curiosità su Sid Vicious:
a) Sid Vicious era alto 1 metro e 88.
b) Agli inizi degli anni Settanta s’innamorò del gralm rock di artisti come Bowie e Roxy Music.
c) Il nome Sid Vicious gli venne dato da John Lydon. A ispirarlo fu il criceto di Sid, che il cantante dei Sex Pistols considerava malvagio, ovvero ‘vicious’.
d) Secondo alcuni Sid sarebbe stato il primo a ‘pogare’ in un concerto.
e) Pare che una delle dosi di eroina fatali gli fosse stata consegnata dalla madre il 1° febbraio.
f) La sua carriera musicale prima dei Sex Pistols si limitò a una serata come batterista dei Siouxsie and The Banshees.
g) Alle sessioni di registrazione di Never Mind the Bollocks, Sid, si presentò spesso ubriaco per suonare; di fatto registrò solo i primi due brani dell’album.
h) Due giorni dopo l’ultimo concerto dei Pistols, Vicious ebbe la sua prima overdose di eroina e tre giorni più tardi, durante un volo aereo verso New York, cadde in coma.
i) Vicious lasciò un biglietto scrivendo di voler esser sepolto di fianco alla sua fidanzata Nancy con addosso i suoi jeans, la sua giacca di pelle e i suoi anfibi; nonostante fossero queste le ultime volontà di Sid, la madre di Nancy non consentì che Sid venisse seppellito vicino a sua figlia perché non aveva mai approvato la loro relazione.

9 canzoni 9 tra il 1976 e il 1979

INDIETRO

Buon compleanno, pazzo e geniale Sid!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorgia a FQMagazine: “Il tema dell’ambiente è vitale e gli attacchi a Greta Thunberg sono il frutto della cultura social”

next
Articolo Successivo

Fabrizio De André, ecco i cantanti che l’hanno omaggiato in “Faber Nostrum”: promossi e bocciati

next