Sid Vicious avrebbe compiuto proprio oggi 62 anni. John Simon Ritchie nacque a Londra il 10 maggio 1957. Parliamo di una una vera e propria icona Punk; insieme ai Sex Pistols riuscì a scardinare le certezze di un’epoca musicale in piena evoluzione. Più che un musicista è bene ricordarlo come figura in grado di sdoganare alle masse un certo sentire, anche se, più in generale, i Sex Pistols, riascoltati ai nostri giorni, dimostrano quanto siano stati reali gli impulsi scaturiti dall’intero periodo.

Il musicista morirà giovanissimo, il 2 febbraio del 1979. A quarant’anni dalla morte proviamo a celebrarne il tratto mediante i consueti nove punti. A fine percorso, ascoltatevi la playlist interamente dedicata agli anni intercorsi tra il 1976 e il 1979.

1. Fu il 1976 l’anno della rivoluzione? Proprio in quel periodo i Pistols ruppero il muro dell’indifferenza mediante il suono grezzo delle chitarre; il senso dell’orientamento di un’intera generazione venne improvvisamente a mancare, grazie alle pulsioni cangianti scaturite da nuove sonorità. Nasceva il Punk: un fenomeno generazionale.

2. Vicious incarnava inequivocabilmente l’estetica del periodo; una figura inscritta all’interno di un manifesto epocale, le cui regole votate all’autolesionismo furono in grado di scuotere dalle fondamenta le certezze musicali – e non solo – del momento. Sid era nichilista e autodistruttivo; forse realmente distante da ciò in cui il successo tentava di trasformarlo? Rifiutava lo status di rockstar, amava ricordare che “La grande truffa del Rock’n’Roll” riguardava soltanto i Sex Pistols.

Buon compleanno, pazzo e geniale Sid!

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorgia a FQMagazine: “Il tema dell’ambiente è vitale e gli attacchi a Greta Thunberg sono il frutto della cultura social”

next
Articolo Successivo

Fabrizio De André, ecco i cantanti che l’hanno omaggiato in “Faber Nostrum”: promossi e bocciati

next