È stata sancita ieri la partnership tra LaPresse e Associated Press. Le due agenzie di stampa, dal 2020, condivideranno i loro contenuti giornalistici su entrambe le piattaforme. Associated Press, una delle più grandi agenzie del mondo, distribuirà i suoi prodotti multimediali sui canali dell’agenzia italiana La Presse – che festeggia i 25 anni dalla nascita – e viceversa. L’accordo è stato celebrato ieri sera ad una serata che si è svolta al Megawatt di Milano, con una cena di gala con quattrocento invitati, tra cui Cristina Chiabotto, Elisabetta Gregoraci, Barbara d’Urso, Simona Ventura, Enzo Miccio e il presidente del Coni Giovanni Malagò.

Il presidente e ceo di Associated Press, Gaty Pruitt, ha spiegato che “è stato naturale scegliere LaPresse. Per la sua grande capacità in Italia, per lo spirito innovativo e imprenditoriale e perché condividiamo gli stessi valori in merito all’informazione”. Brindando all’accordo, il presidente di LaPresse, Marco Durante, ha aggiunto: “Il mercato italiano per noi è limitato. Cerchiamo di aumentare il nostro fatturato all’esterno. Apriremo fra un mese la sede di Bruxelles ed entro fine anno e nei primi mesi del 2020, tre sedi negli Usa. L’obiettivo, se i nostri analisti saranno d’accordo, è quello nel giro di 24/36 mesi di avviare un processo di quotazione all’estero“. Oggi i presidenti delle tue agenzie, Marco Durante e Gary Pruitt, hanno incontrato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Attualmente il Gruppo LaPresse è composto da AGA, Olycom, Olympia Fotocronache, Publifoto e AGR. Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia ha definito l’intesa “determinante per il futuro dell’editoria italiana“, spiegando che “sappiamo che i fattori di produzione sono quattro: capitale, lavoro, conoscenza e informazione. E sull’informazione si gioca una partita importante per il futuro delle democrazie“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s contro la De Girolamo a Linea Verde: “Come può la Rai del cambiamento premiare un trombato politico?”

next
Articolo Successivo

Antonello Montante e l’inchiesta cestinata da Panorama. Il racconto di Claudio Fava su FQ MillenniuM

next