Massimo Bossetti è stato trasferito dal carcere bergamasco di via Gleno a quello milanese di Bollate. Il muratore di Mapello era stato condannato in via definitiva all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio e dopo la sentenza della Cassazione aveva chiesto: “Vorrei essere trasferito in un penitenziario dove poter lavorare. Per non impazzire chiedo di poter essere utile, di lavorare. Oggi non ho più nulla, mi resta il pensiero dei miei figli e della mia famiglia”.

Come riporta il Corriere della SeraBossetti aveva chiesto il trasferimento nel carcere milanese “per aiutare la famiglia, per impiegare in qualche modo il tempo e perché dove si trova lo spazio è veramente ristretto”. Lo aveva specificato il suo avvocato Claudio Salvagni. Il detenuto era infatti nella sezione protetti, quella in cui sono rinchiusi i detenuti che hanno commesso reati su donne e bambini. Ora invece sarà trasferito a Bollate dove potrà lavorare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Modena, a fuoco auto di un delegato Si Cobas dell’Italpizza. Sindacato: “Intimidazioni e minacce non ci fermano”

next
Articolo Successivo

Roma, Imer Omerovic e Senada Sejdovic: chi sono i bosniaci assegnatari della casa popolare a Casal Bruciato

next