Matteo Salvini, anche da ministro dell’Interno, indossa i panni del presentatore televisivo e a distanza di un anno recita nuovamente lo spot per il “gioca e vinci Salvini“. Musica, toni, contenuti. Tutto richiama all’idea dello spot televisivo: si tratta di una gara social su Facebook, Instagram, Twitter tra i sostenitori del leader leghista in vista delle elezioni europee del 26 maggio. Un sistema a punti (in base ai like e alle condivisioni) permette agli utenti di vincere giornalmente una telefonata con Salvini. Il vincitore settimanale, invece, lo incontra invece di persona.

In questo modo lo staff della comunicazione del vicepremier punta a generare un effetto moltiplicatore grazie all’aumento delle condivisioni e dei like sui singoli post. Lo stesso Salvini mette le mani avanti: “Anche questo video avrà tutti contro, i giornaloni, intellettualoni i professoroni, analisti, sociologi, ma noi usiamo la rete, finché ce la lasciano libera e vinciamo in rete. Aiutaci a diffondere la nostra idea di Italia, di Europa e di futuro”. E chiude con un saluto ai “rosiconi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europee, la stoccata di Emma Bonino al governo: “I vicepremier sono due scamorze, inadeguati e arroganti”

prev
Articolo Successivo

Cannabis, la direttiva del Viminale: più controlli, maggiori requisiti ma per il momento no chiusura dei Canapa shop

next