Ho frequentato il Salone del Libro per tre edizioni consecutive, dal 2013 al 2015. E mi pare di capire che le cose, in quattro anni, siano cambiate radicalmente. Leggo, ora, che è “infestato dai fascisti”. Non me ne sono accorto: o c’è stato un colpo di mano in seno alla macchina che muove la fiera, oppure il Paese è sull’orlo di una guerra civile.

A parte tutto, lo dico chiaramente: questo weekend Torino non sarà invasa dai fascisti (se non qualche simpatizzante in più che varcherà i cancelli del Lingotto proprio grazie alla querelle di questi giorni). E no: nessuno si è messo a bruciare libri in piazza e a bandire cultura e valori democratici. Pensate, poi, che se nessuno avesse alzato il dito per dire che un libro-intervista di Matteo Salvini era stato pubblicato da una casa editrice vicina a Casapound, in questo momento ci staremmo titillando col sommo, labirintico rebus: ma al Salone ci sarà più o meno gente dell’anno scorso?

Salvini. Salvini che strizza l’occhio all’estrema destra, senza dubbio. Salvini che è fascista? Non lo so. Ma certamente, come ho scritto qui, non lo è la maggior parte del suo elettorato. Se il problema è lui, alzo le mani e mi dichiaro colpevole: amo Viaggio al termine della notte di Louis-Ferdinand Céline e Fame di Knut Hamsun. Nazista e antisemita il primo, nazionalsocialista il secondo. Al bando, per coerenza, Corbaccio e Adelphi, che mi hanno permesso di leggerli.

C’è, è vero, un tizio, fascista, sodale di un partito neofascista, che non ha mai ricevuto tanta pubblicità gratuita come in questi giorni. E che, proprio ora, sta godendo. Cosa si poteva fare, una volta individuato? Un mucchio di cose, probabilmente: regalargli la Costituzione o le Lettere dal carcere di Antonio Gramsci; cantargli in faccia a squarciagola Bella ciao tra i corridoi del Salone; oppure ricordargli in Sala Gialla, al suo minuscolo – e immagino grigio – stand, o dove più vi aggrada, che può dire ciò che dice proprio grazie alla Resistenza e a quel processo che ha portato alla costruzione della nostra carta fondamentale; o ancora, care scrittrici e cari scrittori che avete detto no al Salone del Libro perché “infestato da fascisti”, potevate andare e spiegare perché quell’ideologia fa schifo. Si potevano fare tante cose. Certamente, la più sbagliata di tutte era dire: “Io sono antifascista, perciò non vado”. Anche perché, allora, non si capisce come mai per anni nessuno abbia fiatato per la presenza di Edizioni di Ar di Franco Freda: fascista, ex terrorista, condannato a 15 anni per associazione sovversiva e a sei anni per istigazione all’odio razziale.

Se il problema è il signore che pubblica i libri su Ventennio e Mussolini, sto col Comitato di indirizzo del Salone: c’è l’articolo 21 della Costituzione, che per fortuna o purtroppo sancisce la libertà di pensiero e di parola. Ci sono anche la legge Scelba, la legge Mancino e la XII disposizione della Costituzione, mi direte. Benissimo. Però esiste anche la magistratura (dopo la denuncia di Chiara Appendino e Sergio Chiamparino, l’editore di Altaforte è indagato per apologia di fascismo) che giudica “chi persegue finalità antidemocratiche”. Prima di quel punto, il dissenso più costruttivo sarà la cultura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salone del Libro, l’editore Polacchi indagato per apologia del fascismo

prev
Articolo Successivo

Domus Aurea, riscoperta la Sala della Sfinge: “Qui si respira il mito degli anni di Nerone”

next