Botta e risposta a  Coffee Break (La7) tra il senatore di Forza Italia, Lucio Malan, e Dino Giarrusso, candidato M5s alle elezioni europee.

Il parlamentare di FI commenta duramente il tweet pubblicato da Manlio Di Stefano, sottosegretario M5s agli Affari Esteri, a proposito della maxi inchiesta avviata dal Tribunale di Milano per corruzione che questa mattina ha portato all’arresto di 43 persone, tra cui politici di primo piano a livello locale (“Quando ti chiedi perché Forza Italia contrasti un provvedimento, devi solo attendere, la sua attuazione ti darà risposta. Su questa indagine e su quella di #Palermo scatterà lo #SpazzaCorrotti del Ministro Bonafede. I corrotti, grazie al #M5S, stanno lontani dalla politica, per sempre”).
Io non prendo lezioni da Di Stefano – afferma Malan – cioè da uno che sostiene Maduro, Chavez, dittatori criminali che hanno sulla coscienza decine di persone”.

Successivamente il tema del dibattito si sposta sul salario minimo, sul quale Malan esprime le sue perplessità. È il turno di Giarrusso, che esordisce: “Vorrei replicare a Francesca Re David (segretaria generale Fiom, ndr), che rispetto”.
Malan insorge: “La ringrazio per non rispettare me”.
“No, io la rispetto e rispetto tutti – risponde l’ex Iena – anzi, le sono vicino perché lei sta sostituendo un esponente di Forza Italia che doveva essere in studio e che è stato arrestato stamattina. Quindi, umanamente le sono vicino”.
“Di questo io non ho idea”, mormora Malan.
“Come no? – ribatte Giarrusso – Era Tatarella, ho l’invito. Doveva venire Tatarella, non lei”.
E a sedare il battibecco è il conduttore Andrea Pancani, che spiega: “Il senatore Malan non è che è inconsapevole di questo. È venuto a metterci la faccia“.
“E infatti ho detto che gli sono estremamente vicino – risponde Giarrusso – Lo rispetto sommamente come tutti”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Imane Fadil, Polanco a Non è l’Arena: “Una morte strana. L’ho vista troppo bene per essere una morte naturale”

next
Articolo Successivo

Tangenti, Travaglio: “Milano e Calabria? Foto della emergenza italiana: non migranti e altre scemenze ma corruzione”

next