Alain Prost, sempre lui, corre verso la direzione di gara. Vuole incontrare il presidente della Fia – nonché compatriota – Jean Marie Balestre. Se Montecarlo ha segnato l’origine, cinque anni dopo, a Suzuka, la diatriba tra Senna e il francese arriva al suo apice.

Pochi istanti prima, a sei giri dalla fine, è avvenuto il contatto alla Chicane del Triangolo. Prost è uscito. Senna, con l’aiuto di commissari e passando per una via di fuga, riesce a ripartire, cambiare il musetto della vettura danneggiato e vincere. Inutilmente però. La notizia della squalifica – con la conseguente perdita del titolo – lo raggiunse durante il giro d’onore.

Allergico alle ingiustizie, sopratutto quando queste sanno di complotto “politico”, Ayrton attacca pesantemente Balestre, usando tutta la schiettezza che lo ha sempre caratterizzato. Prevedibile la multa. Meno il ritiro della superlicenza, necessaria per correre l’anno successivo. Uno scontro di personalità risolto solo da Ron Dennis (team manager della McLaren). A tutto vantaggio di Ayrton, che un anno dopo si prende la vendetta. Ancora in Giappone. Ancora protagonista un incidente tra i due. Ma stavolta l’iridato è Ayrton: “A volte le gare finiscono a sei giri dal termine, a volte alla prima curva”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Formula 1, gran premio di Monza resta in calendario. Accordo trovato fino al 2024

prev
Articolo Successivo

Formula 1, gp di Spagna: Bottas in pole davanti a Hamilton. Terzo Vettel

next