Sei. È il numero delle sue vittorie sul circuito più famoso del Circus. Ancora oggi un record. Ed è proprio lì, tra la Sainte Devote e la Rascasse, che la Formula 1 scopre per la prima volta Ayrton Senna. È il 3 giugno 1984. Per molti, il giorno della nascita della rivalità tra il brasiliano e Alain Prost, quella domenica in pole position. Senna, con la Toleman-Hart, parte tredicesimo. Nessuno (ancora) lo sa, ma il giovane brasiliano ha un grande alleato quel giorno: la pioggia.

In quella definita da lui stesso “la prima esperienza diretta con Dio”, Ayrton comincia a disegnare il tracciato come se l’asfalto fosse asciutto, tenendo un ritmo ben tre secondi più veloce rispetto a tutti. Li supera uno a uno, fino ad arrivare alle spalle del francese. Al 32esimo giro, quando il suo distacco da Prost è solo di un secondo, una segnalazione del francese fa interrompere la rimonta e la gara: vittoria a Prost, Senna rabbioso e frustrato. È la prima stoccata.

Intanto il brasiliano ha rivelato al mondo la sua guida e la sua confidenza sul bagnato nata tra le curve del kartodromo di San Paolo. Lì dove anche altri due campioni del mondo come Emerson Fittipaldi e Nelson Pique hanno mosso i primi passi, Ayrton inizia a primeggiare. Ed è proprio nelle giornate di pioggia che la sua precoce voglia di perfezione – tecnica e meccanica – raggiunge il  culmine. Sotto le indicazioni di Lucio Pascual, detto il “Tche”, Senna ottiene due campionati sudamericani di kart nel 1977 e 1978. Una passione che lo porterà anche a Milano con la DAP, compagno di squadra del “miglior avversario mai incontrato”, Terry Fullerton.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Formula 1, gran premio di Monza resta in calendario. Accordo trovato fino al 2024

prev
Articolo Successivo

Formula 1, gp di Spagna: Bottas in pole davanti a Hamilton. Terzo Vettel

next