“Ieri ho parlato con Siri, gli ho detto che partivo per la Cina e non potevamo vederci. Mi sono scusato, perché c’è anche l’aspetto umano, una persona che attende di incontrare il suo presidente e gli deve spiegazioni che il presidente vuole ricevere”. A dirlo, a Pechino, Giuseppe Conte, che ha aggiunto: “C’è una dimensione umana che non trascurerei, ma quando riassumerò la posizione del governo prevarrà la razionalità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europee, il Pd presenta i candidati tra conferme e novità: “Trenta giorni per smontare demagogia neonazionalista”

prev
Articolo Successivo

Sicilia, Salvini a Toninelli: “Non è possibile, stesse strade da 70 anni”. Su migranti: “Io processato? Ne sarò orgoglioso”

next