“Ieri ho parlato con Siri, gli ho detto che partivo per la Cina e non potevamo vederci. Mi sono scusato, perché c’è anche l’aspetto umano, una persona che attende di incontrare il suo presidente e gli deve spiegazioni che il presidente vuole ricevere”. A dirlo, a Pechino, Giuseppe Conte, che ha aggiunto: “C’è una dimensione umana che non trascurerei, ma quando riassumerò la posizione del governo prevarrà la razionalità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europee, il Pd presenta i candidati tra conferme e novità: “Trenta giorni per smontare demagogia neonazionalista”

next
Articolo Successivo

Sicilia, Salvini a Toninelli: “Non è possibile, stesse strade da 70 anni”. Su migranti: “Io processato? Ne sarò orgoglioso”

next