“Se l’antifascismo è un valore fondante della Repubblica? Sì”. Dopo le polemiche e le tensioni con i soci di governo per la decisione di disertare le celebrazioni per il 25 aprile, Matteo Salvini ha cambiato i toni. Mentre i colleghi M5s hanno preso parte a sfilate e cortei tra Roma e Milano, lui ha scelto di fare un tour elettorale in Sicilia. Ma a margine, con i giornalisti, ha ammorbidito le sue posizioni sulle celebrazioni della Liberazione: “Mi piacerebbe che oggi fosse la giornata dell’unione e della pacificazione nel nome dell’Italia che verrà, poi ognuno si tiene proprie idee, distanze, e obiettivi: ho scelto Corleone per dire ai giovani che vince lo Stato”, ha detto. Ma proprio su questo punto è arrivato l’attacco di Luigi Di Maio che ha chiesto nuovamente le dimissioni del sottosegretario leghista ai Trasporti, attualmente indagato per corruzione: “Siri si difenderà, sono sicuro che risulterà innocente, ma intanto lavoriamo alla questione morale, alla sanzione politica. Altrimenti che senso ha dire che si festeggia a Corleone, dicendo che si vuole eliminare la mafia. La mafia la elimini se tu dai l’esempio”. Su questo Salvini insiste nel difendere il collega e il partito: “Mi sono impegnato a non rispondere sulle polemiche, sono in modalità zen. La polemica politica la lascio agli altri”, ha tagliato corto.

Solo pochi giorni fa, era stato lo stesso ministro dell’Interno a rivendicare la decisione di andare in Sicilia e non in corteo: “Ognuno passa il 25 aprile come vuole”, aveva detto a Pinzolo, “vestito come vuole, senza polemica. Ma credo sia giusto che il ministro dell’Interno vada in Sicilia a combattere la mafia”. E poco prima: “La lotta a camorra, ‘ndrangheta e mafia è la nostra ragione di vita. Il 25 aprile non sarò a sfilare qua o là, fazzoletti rossi, fazzoletti verdi, neri, gialli e bianchi. Vado a Corleone a sostenere le forze dell’ordine nel cuore della Sicilia”. A far discutere anche le dichiarazioni dei colleghi di partito. Come ad esempio, tra gli altri, il ministro Centinaio che aveva parlato di una festa “monopolio dell’estrema sinistra”. A loro si sono associati i casi locali di amministrazioni, da Trieste alla provincia di Monza, in cui la festa è stata ridimensionata o sospesa.

Oggi però Salvini ha cambiato linea, o almeno ha scelto di smorzare le polemiche. “La scelta di stare a Corleone per la festa della Liberazione è assolutamente in sintonia con chi rischia la vita indossando la divisa per liberare il paese dall’occupazione della mafia. Pensate che stia facendo un picnic qui o una scampagnata? Qualunque cosa avessi fatto io oggi avrebbero fatto polemica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sondaggi, Lega primo partito in caso di Politiche (31%) ed Europee (33%). Seguono 5 Stelle (23%) e il Pd (22,6%)

next
Articolo Successivo

25 aprile, Pif: “Ora bisogna argomentare che Mussolini era un dittatore di m***, vi rendete conto?”

next