di Andrea Taffi

Siamo alla vigilia del 25 aprile, una data fondamentale della nostra giovane Repubblica, perché è quella della liberazione completa dell’Italia dall’invasore nazista (già alleato) e dai residui del fascismo della Repubblica di Salò. Per ciò che rappresenta, il 25 aprile dovrebbe essere visto da un unico angolo visuale, a prescindere da come la si pensi. La liberazione da un oppressore è un dato oggettivo e, quindi, sempre una cosa positiva e da ricordare, al netto della visione politica di chi (oggi) rappresenta l’oppresso di allora. E invece (lo sappiamo bene) non è mai stato così.

A parte i vari tentativi di revisionismo storico, che tendono a valutare le ragioni e l’onestà intellettuale dei repubblichini, le varie forze politiche hanno sempre visto il 25 aprile dal loro punto di vista, valutando la ricorrenza o come festa “di sinistra” e caricandola, quindi, di una retorica della quale si poteva (e si doveva) fare a meno, oppure, proprio per via della inappropriata attribuzione di sinistra, la festa della liberazione è stata snobbata, dimenticata, persino dichiaratamente osteggiata.

A questa valutazione soggettiva e politicizzata di una ricorrenza istituzionale, sembra non fare eccezione il governo giallo-verde, quello autodefinitosi “del cambiamento”, ma che ancora una volta dimostra di avere cambiato poco o nulla. Ecco, allora, che mentre Luigi di Maio dichiara di onorare il 25 aprile, non solo per mero dovere istituzionale, ma anche (così è sembrato a me) per convinzione e sentimento, il suo alleato e collega di governo, Matteo Salvini, afferma (non senza la solita ostentazione) che l’unica liberazione da festeggiare è quella dalla mafia, una liberazione che (ahimè) appare ben lungi dal realizzarsi. Per questo non starà a Roma, per le solite e inutili (secondo lui) celebrazioni di facciata, ma si recherà a Corleone, nella trincea dove lo Stato che lui, Salvini, rappresenta combatte la mafia solo a parole.

Sarebbe stupendo poter festeggiare un giorno la liberazione dalla mafia, da tutte le mafie, che infestano l’Italia, dal sud al nord. Ma non si capisce (almeno non lo capisco io) perché questo auspicabile risultato debba passare attraverso il disprezzo per il 25 aprile, che non è certo una semplice festa, ma un simbolo, una elemento caratterizzante la nostra Repubblica, perché è da quella liberazione e dalle forze che la consentirono che è nata la nostra Costituzione.

In questi ultimi tempi, il Movimento 5 stelle e la Lega sembrano voler litigare su tutto. Probabilmente si tratta di litigi (a favore di telecamere) puramente finalizzati alla campagna elettorale. Pur non essendolo, potrei anche essere d’accordo (astrattamente) su questo modo di fare tipico, non solo di Lega e Movimento 5 stelle, ma di tutta la politica nazionale. Ma rifuggo con forza e (mi sia permesso) anche con un certo sdegno dalla strumentalizzazione del 25 aprile: festeggiamolo, ignoriamolo, ma, per favore, non manipoliamolo. Ne va della nostra dignità di italiani.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: “Abbiamo abolito immunità penale per i vertici. Vittoria dei cittadini”

prev
Articolo Successivo

Siri, Di Maio: “Con mafia di mezzo, deve lasciare. C’è differenza tra garantismo e paraculismo”. Conte: “Deciderò”

next