Il gruppo Samsung ha annunciato che rinvierà il lancio del suo smartphone pieghevole Galaxy Fold dopo i problemi dei primi test con i telefoni. Il telefono, che avrebbe dovuto essere in vendita a partire dal 26 aprile negli Stati Uniti a 2mila dollari, prima del lancio era stato messo a disposizione di alcuni giornalisti, che hanno riferito e documentato malfunzionamenti e rotture dello schermo dopo 1-2 giorni d’utilizzo.

Dieter Bohn del sito The Verge ha scritto un pezzo dal titolo “Lo schermo del mio Galaxy Fold si è rotto dopo solo un giorno”, in cui mostra le foto del dispositivo con un rigonfiamento in corrispondenza della cerniera e ipotizza che un detrito sia finito sotto lo schermo. Steve Kovach della Cnbc ha pubblicato un video su Twitter in cui fa vedere lo schermo del Galaxy Fold che sfarfalla. Mark Gurman di Bloomberg News, sempre su Twitter, mostra le foto del display dello smartphone pieghevole “completamente rotto e inutilizzabile in appena due giorni”. Il giornalista spiega che sullo schermo era presente un rivestimento che non avrebbe dovuto rimuovere, ma che questo non era stato specificato da Samsung.

Il gruppo dell’elettronica di consumo sudcoreano ha ammesso che alcune recensioni “ci hanno mostrato come il dispositivo abbia bisogno di ulteriori miglioramenti“. La nuova data di uscita del Galaxy Fold dovrebbe essere annunciata nelle prossime settimane. L’analisi iniziale dei problemi segnalati con gli schermi ha mostrato che potrebbero essere “associati all’impatto sulle aree superiori e inferiori della cerniera”, ha precisato Samsung, che ha assicurato che verranno adottate “misure per rafforzare la protezione del display”.

Samsung ha trascorso quasi otto anni a sviluppare il nuovo smartphone, che fa parte della strategia del principale produttore di telefoni cellulari per accelerare la crescita con gadget innovativi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook ha archiviato milioni di password di Instagram senza protezione

prev
Articolo Successivo

La password 123456 è ancora usata da milioni di persone

next