Sul giornale di partito ha scritto un componimento dal titolo “il topo di città“. Solo che nel sottotitolo c’è però un’allusione agli immigrati. È polemica per una poesia di Christian Schilcher, esponente del Partito della Libertà austriaco e vicesindaco di Bruanau am Inn. Una città nota anche perché ha dato i natali di Adolf Hitler.

Come riporta il quotidiano austriaco Der Standard  il vicesindaco è autore di una poesia il cui protagonista è un roditore “con un background di fognature“. Schilcher utilizza  la parola “kanalisationhintergrund” alludendo probabilmente al vocabolo “migrationhintergrund” che è impiegato proprio per indicare il retroterra (o background) di provenienza dei migranti.

Non è l’unica critica. Alcune testate hanno sottolineato infatti il paragone tra migranti e topi basandosi su un altro verso di Schilcher: “proprio come noi viviamo quaggiù così devono farlo altri ratti, che siano ospiti o migranti: condividano con noi lo stile di vita o devono andarsene velocemente via!”. Il vicesindaco ha spiegato che il componimento puntava a descrivere cambiamenti che lui e altri “molto legittimamente criticano“. Partendo però dalla prospettiva del topo che è il protagonista della poesia: così si spiega la citazione dei ratti. Si è inoltre scusato per il legame “pieno di significati storici” tra topi e umani sostenendo però che non intendeva “insultare o ferire qualcuno” con la sua poesia.

Scuse che non sono bastato a stoppare le polemiche. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha chiesto al Partito della Libertà – suo alleato e di cui fa parte Schilcher – di prendere le distanze dalla poesia, definendola “abominevole, disgustante, disumana e profondamente razzista“. Il leader del partito di destra e vicecancelliere Heinz-Christian Strache, alleato con Matteo Salvini, ha scritto però su Facebook che “l’incitamento e la campagna” contro la sua forza politica mostrano che i loro rivali sono “particolarmente nervosi” per le prossime elezioni europee (in cui, stando ai sondaggi, il partito di Strache è il terzo schieramento austriaco). Di “abituale propaganda nazista” ha parlato invece Pamela Rendi-Wagner, leader del Partito Socialdemocratico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sri Lanka, il momento in cui il presunto attentatore entra in chiesa con uno zaino sulle spalle: le immagini

prev
Articolo Successivo

Russiagate, Dem divisi su impeachment per Trump. “Rapporto Mueller è chiaro”, “concentriamoci sulle elezioni del 2020”

next