La Lega in crescita al 36,9%, il suo record, +1,2% rispetto a due settimane fa. I 5Stelle in calo al 22,3% (-1%) seguiti dal Pd con il 18,7% (-0,3%), Forza Italia con l’8,7% (-1,2%) e Fratelli d’Italia con il 4,6% (+0,6%). +Europa insieme a Italia in comune è al 3%, sotto la soglia di sbarramento fissata al 4. A poco più di un mese dalle Europee del 26 maggio e mentre la tensione tra gli alleati di governo continua a salire di livello, sono questi gli orientamenti di voto degli italiani rilevati da Ipsos per il Corriere della Sera e confrontati con i risultati ottenuti dallo stesso istituto due settimane fa, quando per la prima volta dall’estate scorsa i grillini erano visti in recupero. Il sondaggio firmato da Nando Pagnoncelli, che dà il Carroccio molto più su rispetto a quanto risultava dal sondaggio Emg di due giorni prima, è stato realizzato prima che uscisse la notizia dell’indagine per corruzione che coinvolge il sottosegretario leghista Armando Siri. Il consenso per il governo resta alto, al 52%.

Il partito del vicepremier Matteo Salvini risulta in testa anche per “fedeltà di voto”: l’87% di quanti l’hanno votato alle politiche del 4 marzo intende confermare la scelta. Alta, spiega Pagnoncelli, anche la fiducia nel leader: 49,9%, secondo solo al premier Conte. E quasi 9 leghisti su 10 sono certi della vittoria del loro partito alle Europee. Il M5s invece si assesta poco sopra il 22% dopo il recupero segnato due settimane fa e secondo l’analisi dei flussi il 52% di chi votò M5s nel 2018 confermerebbe il proprio voto, mentre uno su quattro si asterrebbe e il 18% preferirebbe la Lega.

Il Pd del nuovo segretario Zingaretti risulta in flessione, ma senza forti contraccolpi dall’inchiesta sulla sanità umbra sfociata nelle dimissioni della presidente Catiuscia Marini. Secondo Pagnoncelli i dem hanno particolarmente bisogno di “rimotivare l’unico elettorato, tra le prime quattro forze politiche, rassegnato al successo altrui: infatti solo un elettore su quattro pensa che il Pd si affermerà mentre il 45% pronostica la vittoria della Lega”.

Forza Italia perde ancora terreno a favore del partito di Salvini, che sarebbe votato dal 33% di quanti hanno scelto Fi nel 2018. La fedeltà di voto al partito di Berlusconi cala al 44%. In ogni caso però la maggioranza gli elettori che intendono votare per Forza Italia alle Europee scommette sulla vittoria del proprio partito. Secondo Ipsos, la spiegazione è che la candidatura dell’ex Cavaliere galvanizza l’elettorato devoto, ma fatica ad attrarre nuovi elettori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi, da “Noi non utilizziamo aggressioni verbali” a “Grillo fai schifo”. Il blob della giravolta del senatore di Rignano

next