Ed ecco che nel dramma Notre-dame, Repubblica.it titola Charlie Hebdo non si smentisce: vignetta macabra, insulti sui social.

E ho pensato ‘vaffanculo’: dinanzi a un pezzo di storia che va in fiamme la satira dovrebbe piagnucolare? Intoniamo i miserere? Facciamo le flagellazioni? Le messe cantate?
No, rivaffanculo.

Il disegnetto di Quasimodo in stile Disney che abbraccia una piccola Notre Dame è tanto caruccio, va bene, ma ora togliamoci i guanti e facciamo sul serio, perché non è che siamo proprio tutti bimbi di sette anni. Di certo lo sono intellettualmente gli indignati per la vignetta macabra, che sono gli stessi che poi si sfogano a scrivere insulti sui social.

Per quanto mi riguarda, lo ribadisco: viva la satira di CH che è “bête et méchant”, stupida e cattiva. E quindi terribilmente umana e vera. Viva.
Tutto il resto è valido, per carità, ma è altra roba.
La satira non vuole farsi voler bene, e la riconosci perché ti va in culo.

A proposito: scusate le parolacce ma ‘Vaffanculo’ l’ho già scritto?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Huawei P Smart+ 2019, lo smartphone da 260 euro che punta tutto sulla fotografia

prev
Articolo Successivo

Massimo Bordin, morto l’ex direttore di Radio Radicale: era la voce di “Stampa e regime”. Bonino: “Via una parte di noi”

next