Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, ospite di Andrea Scanzi e Luca Sommi, nello studio di “Accordi e Disaccordi”, il talk show in onda su Nove, dopo Fratelli di Crozza, si difende dalle accuse ricevute per aver acquistato una Jeep a diesel, nonostante il Movimento Cinque Stelle abbia fatto delle auto elettriche e della difesa dell’ambiente due suoi cavalli di battaglia. Così commenta a Sommi: “Ma lei potrebbe comprare oggi una macchina elettrica, magari con i bambini come il sottoscritto, che fa viaggi lunghi, e che c’è una colonnina ogni 200 chilometri?”. Incalzato aggiunge che non si tratta di rivendicare la scelta dell’acquisto e che quell’auto l’ha comprata nell’ottobre dell’anno scorso “usata tra l’altro”. Si riconferma un sostenitore dell’elettrico e afferma: “Comprerò come gli altri cittadini italiani una macchina elettrica quando io avrò contribuito a creare le condizioni con colonnine”.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 149 0 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Toninelli: “Tonno e cracker? Non si può umiliare una bambina, scelta ingiustificabile”

prev
Articolo Successivo

Transamazonica, la lotta delle tribù indigene contro le dighe: “Per difendere quello che è mio mi trasformo in una belva”

next