Alla fine, dopo gli attriti tra il nuovo corso Pd guidato da Nicola Zingaretti e le minoranze renziane, alla Direzione dem sono state approvate le liste per le elezioni Europee. Il nodo della discordia è rimasta però la presenza di alcuni esponenti di Mdp-Articolo Uno, ovvero Cecilia Guerra e l’uscente Massimo Paolucci. Una presenza che ha portato a 30 astensioni, tra le diverse componente renziane. Più soft quella della componente legata a Lotti-Guerini: “Scelta troppo frettolosa, ma la nostra è un’astensione responsabile. Il nostro avversario sono le destre”, ha motivato Guerini. Toni forti invece dalla componente più ortodossa, legata a Giachetti e Ascani: “Un errore, lo abbiamo sempre detto. Questa scelta va contro il partito e non ci porterà nulla in termini elettorali”, ha rivendicato Alessia Morani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Giorgetti difende il decreto sblocca cantieri e il reddito di cittadinanza: “È una misura che può funzionare”

next
Articolo Successivo

Di Maio all’assemblea del M5s: “Non è un mistero che lavoriamo più di Salvini. Riorganizzazione? C’è bisogno di tempo”

next