Alla fine, dopo gli attriti tra il nuovo corso Pd guidato da Nicola Zingaretti e le minoranze renziane, alla Direzione dem sono state approvate le liste per le elezioni Europee. Il nodo della discordia è rimasta però la presenza di alcuni esponenti di Mdp-Articolo Uno, ovvero Cecilia Guerra e l’uscente Massimo Paolucci. Una presenza che ha portato a 30 astensioni, tra le diverse componente renziane. Più soft quella della componente legata a Lotti-Guerini: “Scelta troppo frettolosa, ma la nostra è un’astensione responsabile. Il nostro avversario sono le destre”, ha motivato Guerini. Toni forti invece dalla componente più ortodossa, legata a Giachetti e Ascani: “Un errore, lo abbiamo sempre detto. Questa scelta va contro il partito e non ci porterà nulla in termini elettorali”, ha rivendicato Alessia Morani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Giorgetti difende il decreto sblocca cantieri e il reddito di cittadinanza: “È una misura che può funzionare”

next
Articolo Successivo

Di Maio all’assemblea del M5s: “Non è un mistero che lavoriamo più di Salvini. Riorganizzazione? C’è bisogno di tempo”

next