A Milano il 52 per cento degli spostamenti in città avviene senza inquinare l’ambiente. Perché si sceglie di andare in bicicletta o e-bike, con i mezzi pubblici a trazione elettrica, compresi i treni urbani o anche a piedi. Il capoluogo lombardo non è l’unica realtà dove è possibile scoprire che c’è una mobilità che cambia in Italia, da Nord a Sud, elettrica, connessa, condivisa e multimodale. Capace di ridurre lo smog e affrontare la sfida imposta dai cambiamenti climatici. È quanto emerge dal dossier ‘Le città elettriche’, il primo rapporto sulla mobilità a emissioni zero in italia, realizzato da Legambiente in collaborazione con MotusE (associazione per la mobilità elettrica). Sono stati analizzati i dati dei 104 capoluoghi italiani attraverso diversi indicatori: dalla disponibilità di mezzi elettrici all’inquinamento, dal tasso di motorizzazione alla presenza di piste ciclabili e al modal share, realizzando una prima mappatura sull’offerta di mobilità a zero emissioni su tutto il territorio nazionale. Sicuramente a farla da padrona in Italia è ancora una mobilità inquinata, congestionata, poco sostenibile, ma c’è una rivoluzione ormai in atto. “Il tasso di motorizzazione cala in quasi tutte le città d’Italia – spiega Legambiente – e non è un caso se il capoluogo lombardo in vent’anni ha perso 100mila auto e guadagnato altrettanti abitanti, grazie ad ambiziose politiche locali e agli strumenti che ne conseguono, tra tutti l’attivazione dell’Area B (low emission zone) dopo il successo dell’Area C (Congestion)”.

LE CITTÀ ELETTRICHE – Le grandi città italiane, seppur con percentuali molto diverse e ancora lontane da Milano, cercano di combinare sistemi per consentire spostamenti non inquinanti ai propri cittadini. Lo studio di Legambiente stima l’accessibilità a questi servizi, come la quota degli spostamenti con il mezzo pubblico o con servizi di sharing mobility. A Bologna ad esempio l’accessibilità raggiunge il 40% e gli spostamenti a zero emissioni (elettrici, bici, a piedi) rappresentano il 39%. A Torino a fronte di un’accessibilità (Tpl, bici e sharing) del 27% gli spostamenti zero emissioni sono il 40%. A Napoli i numeri evidenziano un 50% di movimenti che già avvengono con mezzi non inquinanti con un’accessibilità pari al 34%. A Genova il 39% degli spostamenti è a zero emissioni (accessibilità al 36%), a Firenze il 17% (accessibilità al 26%) e a Roma il 20% (accessibilità al 27%).

LEGAMBIENTE: “SEGNALI POSITIVI” – “Le storie e i numeri che raccontiamo nel nostro rapporto ci dicono che sono tanti i segnali positivi, con una disponibilità crescente dei cittadini a spostarsi con mezzi non inquinanti” sottolinea Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente. Secondo Andrea Poggio, responsabile Mobilità Sostenibile di Legambiente che ha curato il rapporto “la mobilità a zero emissioni, se demandata alla sola mobilità privata, con i pochi modelli proposti di auto e moto elettriche, tutti ancora piuttosto cari o poco competitivi, non ha i numeri oggi neppure per farsi vedere”. La vera differenza, dunque, la fa ancora il mezzo pubblico. “Ma sarebbe un errore – aggiunge – se si considerasse sufficiente. Il mezzo pubblico elettrico fa la differenza soprattutto se in città si va in bicicletta e ci sono servizi di sharing mobility. Insieme sono in grado di ricondurre alla minoranza gli spostamenti con il motore a combustione privato”.

RADDOPPIATE LE COLONNINE PER LA RICARICA – Una rivoluzione, quella della mobilità elettrica, rappresentata anche dalla crescita esponenziale delle infrastrutture dedicate alla ricarica. Dallo scorso anno ad oggi, secondo l’elaborazione di Legambiente su dati EvWay, si è passati da 2.368 a 5.507 prese disponibili omologate per automobili e ricariche veloci (> 11 kW) in tutta Italia e da 1.885 a 2.684 prese di ricarica per due ruote e ricariche lente (< 11 kW). Anche su questo fronte c’è un’Italia che viaggia a due velocità. In Lombardia il maggior numero di prese per automobili: 1134, più che raddoppiate rispetto allo scorso anno (erano 519); mentre sono 499 quelle per le due ruote. Basilicata e Molise, invece, chiudono la classifica: per la prima 27 prese per auto e 7 per le due ruote, mentre in Molise 8 e 5.

LE ELETTROSTORIE – Il rapporto contiene anche 12 elettrostorie, racconti di buone pratiche già attivate nel territorio italiano. Si parte proprio dal capoluogo lombardo: già oggi l’offerta di trasporto pubblico nella città metropolitana di Milano è notevole, sia per entità (650 milioni di passeggeri all’anno), sia per il predominio della trazione elettrica, il 74% dell’offerta, con 960 vetture metropolitane, 535 tram e filobus in servizio, 30 autobus elettrici e idrogeno. Entro il 2030 la transizione sarà completata. Ancora, l’esperienza del Campus di Savona, dell’Università degli studi di Genova, trasformato in una piccola smart city dove, oltre a una microrete energetica intelligente, sono state installate anche quattro colonnine di ricarica per veicoli elettrici per promuovere una mobilità a zero emisioni. O come a Firenze dove il Comune ha sperimentato l’alleanza per flotte di taxi elettriche. A Ostuni (Brindisi), invece, e a Ostuni (BR), dove nel 2014 è nato ‘Forplay’, un sistema che punta alla promozione del territorio attraverso un il noleggio di vetture piccole e totalmente elettriche: 40 quadricicli disponibili a nolo per un minimo di sei ore fino a un massimo di un intero anno per escursioni dedicate con guide naturalistiche e culturali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le cascate di Stiffe sono spettacolari. Peccato per la solita centralina idroelettrica

prev
Articolo Successivo

Ex Ilva, il deputato M5s dalla memoria corta: se la prende con gli ambientalisti (e con chi l’ha votato)

next