PG Esports, settore di Campus Fandango Club dedicato all’esport, dimostra ancora una volta di avere le idee chiare su come presentare gli eventi di videogiochi competitivi in Italia, creando spettacolo accanto alla pura competizione. Un’evoluzione che passa anche dall’appropriarsi dei luoghi solitamente dedicati ad altro, come il Teatro Ciak di Milano, ospite, tra gli altri, di XFactor.

Pier Luigi Parnofiello, CEO di PG Esports, è convinto che il PG Nationals abbia ormai intrapreso la strada corretta per promuovere l’esport in Italia. A loro quest’anno si è accodato anche Vigorsol, brand non endemico del settore che ha deciso di sposare la causa dell’esport, totalmente in linea con gli interessi dei loro consumatori e fruitori. Una collaborazione, quella tra PG Esports e Vigorsol, quasi naturale l’ha definita Monica Gianella, Brand Manager di Vigorsol.

 

Video di Paolo Tani
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Meizu X8, uno smartphone di fascia media dalle buone prestazioni, per chi non tiene troppo alle foto

prev
Articolo Successivo

Windows 10, Microsoft cancella la “rimozione sicura” delle chiavette USB

next