L’atteso aggiornamento di Windows 10 arriverà nella seconda metà di maggio e Microsoft inizia a informare gli utenti sulle novità che porterà con sé. Prima di tutto il nome: quello che finora era identificato con la sigla 19H1 adesso si chiama ufficialmente Windows 10 May 2019 Update. Porta con sé importanti cambiamenti, relativi più che altro al processo di aggiornamento di Windows, che è stato “pensato per migliorare l’esperienza, dare più controllo agli utenti e migliorare la qualità degli aggiornamenti di Windows”.

Foto: Depositphotos

 

Le novità sono riassunte in un post del blog ufficiale ad opera di Mike Fortin, Corporate Vice President di Windows. Vediamo in dettaglio che cosa ci aspetta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google anticipa la Brexit: Google Pay abbandona Londra, pagamenti gestiti da Dublino

prev
Articolo Successivo

Scansione facciale all’Aeroporto di Atene per controlli di sicurezza più veloci e affidabili

next