L’azienda Beats, di proprietà di Apple, ha annunciato gli auricolari true wireless PowerBeats Pro, che si potrebbero definire una versione sportiva delle AirPods. Che il prodotto strizzi l’occhio a chi ama lo sport emerge non solo dall’estetica, ma anche dalla resistenza al sudore e all’acqua. Interessante poi la presenza di sensori che interrompono automaticamente la riproduzione quando si tolgono dall’orecchio, oltre ai classici controlli multimediali.

https://www.youtube.com/watch?v=mWbijRYhuZs

Il produttore mette in risalto anche la qualità del suono, dovuta alla forma stessa degli altoparlanti, studiata per migliorare la risposta acustica delle PowerBeats Pro, mediante la produzione di un flusso d’aria pressurizzato.

Sul fronte dell’autonomia, il produttore dichiara 9 ore di utilizzo continuo con una sola carica, verificheremo il dato non appena gli auricolari saranno disponibili per i test approfonditi. La ricarica avviene riponendo i PowerBeats Pro nella custodia che è fornita in dotazione. Usandola si ottengono altre 15 ore di ascolto. Interessante il fatto che queste cuffie sono anche compatibili con la funzionalità Fast Fuel che, a fronte di 15 minuti di ricarica, offre 4,5 ore di ascolto. Con 5 minuti l’autonomia in riproduzione è di 1,5 ore.

Non si possono ancora acquistare, saranno in vendita dal mese di maggio a un prezzo di 249,95 euro, superiore a quello delle AirPods di Apple (229 euro nella versione con custodia di ricarica wireless). Se non avete problemi di budget, potrete scegliere fra i colori Verde Muschio, Blue Navy, Bianco Avorio e Nero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook, altri 540 milioni di dati di utenti finiti online. Non c’era alcuna protezione

prev
Articolo Successivo

Amazon, le migliori offerte di primavera del 5 aprile

next