Le AirPods, le celebri cuffiette Apple senza fili, si rinnovano e rispetto al modello precedente introducono il chip Apple H1 che ne migliora le funzionalità, e la custodia a ricarica wireless. Esteticamente non si notano differenze ma, stando ai dati ufficiali, chi le indosserà noterà diversi benefici.

A parte la custodia di ricarica, che ora è disponibile anche nella versione con alimentazione wireless, la differenza sta tutta nelle funzioni delle cuffie. Il nuovo chip H1 infatti promette un incremento del 200% nella velocità di connessione con i dispositivi. All’atto pratico questo significa che bisognerà aspettare la metà del tempo rispetto a prima, fra quando si attiva via software l’accoppiamento (pairing) con smartphone, smartwatch, tablet e PC e quando questo avviene.

Inoltre, si parla di una latenza audio nei giochi ridotta del 30%. La latenza in questo caso è il tempo che intercorre fra quando il videogioco genera un suono e quando questo arriva alle orecchie del giocatore tramite le cuffie wireless. Con gli AirPods di seconda generazione suoni e immagini dovrebbero quindi essere più allineati, di conseguenza l’esperienza dovrebbe migliorare.

Terza novità riguarda l’autonomia in conversazione, che secondo i test del produttore risulta del 50% superiore rispetto a prima. Il dato ufficiale è di un massimo di 5 ore di ascolto e fino a 3 ore di conversazione con una sola carica. Tutti questi dati sono da verificare con test indipendenti prima di poterli dare per buoni.

Anche per chi usa l’assistente vocale Siri c’è una novità interessante: non è più necessario “toccare” le cuffie per attivarlo, basta usare il comando vocale classico “Hey Siri” per regolare il volume di riproduzione, saltare le tracce audio, ottenere indicazioni stradali e altro. Non ultimo, Apple promette una migliore qualità di ascolto, che non vediamo l’ora di sentire.

Torniamo alla custodia perché vale la pena fare qualche precisazione. Sul sito ufficiale si possono acquistare le nuove cuffie con custodia a ricarica wireless inclusa (229 euro), le nuove cuffie con custodia “vecchio stile” (179 euro), oppure solo la nuova custodia wireless (89 euro). Quest’ultima opzione è interessante per chi ha già acquistato gli AirPods di prima generazione e desidera questo accessorio, che è compatibile con lo standard Qi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon Kindle si rinnova: più leggero e sottile, con luce anteriore regolabile, costa 80 euro

prev
Articolo Successivo

I notebook per giocare saranno presto più potenti, Intel preannuncia i processori Core di nona generazione

next