Riaprire entro Pasqua la fermata Repubblica della linea A della metro di Roma. Questa la richiesta del comitato civico che questa mattina ha organizzato un sit-in sotto i portici dell’ex piazza Esedra, cui hanno partecipato una cinquantina di persone. La stazione è chiusa da oltre 4 mesi a seguito dell’incidente che coinvolse alcuni tifosi del Cska Mosca a ottobre. “La nostra richiesta – ha spiegato la portavoce del comitato, Cristina Barletta – è di riaprire al più presto, per cercare di arginare le difficoltà dei residenti e degli esercenti, che hanno subito dei danni fino a un -30% del fatturato, con punte di -70% su via Nazionale”. I responsabili del comitato chiedono al Comune di mostrare i documenti che accerterebbero, “che la causa della chiusura sia la mancanza di pezzi di ricambio”. “Perché qui nessuno ci crede più”, hanno aggiunto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pedofilia, Papa Francesco promulga i tre documenti per contrastare gli abusi

prev
Articolo Successivo

Napoli, il day after delle nozze trash tra il neomelodico Tony Colombo e la vedova del boss. Com’è potuto accadere? Le risposte del Comune (FOTO e VIDEO)

next