I pannelli solari sono una buona soluzione per produrre energia pulita, però la mancanza di flessibilità e l’estetica non proprio affascinante portano a sfruttarli meno del dovuto. Per far fronte al problema, la Commissione Europea ha finanziato il progetto PVSITES, a cui partecipa anche l’Italia, per realizzare pannelli solari fotovoltaici facilmente integrabili degli edifici.

Il progetto è prossimo alla scadenza e i risultati sono arrivati. I ricercatori hanno già introdotto sul mercato diversi prodotti, “ci sono già sei installazioni commerciali completate e molte altre sono in corso”, conferma il coordinatore Maider Machado del Solar Energy Group di Tecnalia Research and Innovation, Spagna.

Diversi casi di studio confermano come i pannelli realizzati nell’ambito del progetto europeo si possano integrare in maniera conveniente nelle costruzioni e offrano una produzione di energia efficace. Ora è in fase di sviluppo uno strumento software di supporto agli architetti, di modo che possano sfruttare a pieno le potenzialità dei nuovi prodotti.

La chiave del successo è stato l’impiego di nuovi materiali, come le soluzioni a base di vetro in silicio cristallino (detto anche vetro fotovoltaico) e pellicole sottili applicate su una lamiera leggera. Sono stati poi sviluppati appositi inverter che consentono di convogliare l’energia prodotta direttamente nella rete elettrica.

A questo si unisce un sistema intelligente di gestione dell’energia che permette l’integrazione ottimale fra l’energia prodotta dai pannelli e quella di rete. Il software è in grado di calcolare l’apporto dell’energia solare sulle prestazioni energetiche di un edificio.

Le prime installazioni riguardano sette edifici in diverse località europee, con differenti condizioni climatiche. Si contano una casa a Stambruges (Belgio), un condominio a Wattignies (Francia), la prestigiosa Swiss École Hotelière de Genève e due parcheggi a Zurigo, un edificio industriale e un edificio per uffici in Spagna.

L’elettricità generata dai pannelli dell’abitazione di Stambruges viene immagazzinata in una batteria per soddisfare al meglio le necessità domestiche. Nel parcheggio invece sono stati impiegati pannelli curvi che offrono anche una funzione di ricarica per le batterie dei veicoli elettrici. In Spagna, gli uffici tendono a surriscaldarsi, quindi i pannelli in vetro saranno disposti sulle facciate per raffreddare e schermare le finestre, oltre che per produrre elettricità. Le possibilità d’impiego sono molte, la tecnologia esiste, ora bisogna sfruttarla il più diffusamente possibile.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Asus ROG Strix XG49VQ è il nuovo monitor curvo dedicato ai giocatori

next
Articolo Successivo

SRO E-Sport GT Series, parte da Monza il campionato GT virtuale con in palio un’esperienza con il team Lamborghini

next