Apple TV+ è il nome del servizio streaming video a pagamento dell’azienda californiana, che lancia il guanto di sfida alle piattaforme più in voga del momento. Non sono stati svelati i prezzi dell’abbonamento, quello che è certo è che potranno accedere al nuovo servizio gli utenti di iPhone, iPad e Apple TV che risiedono in più di 100 paesi, grazie a un semplice aggiornamento software. Per fruire del servizio sui computer Mac bisognerà attendere l’autunno. Potranno beneficiarne anche gli utenti delle Smart TV Samsung (dalla primavera) e dei dispositivi Amazon Fire TV, LG, Roku, Sony e VIZIO (in futuro, le date non sono state comunicate). La data fissata per l’esordio del servizio è maggio, e il portfolio della proposta sarà differente a seconda dei paesi.

A impressionare è l’elenco di attori e registi hollywoodiani coinvolti, per quelli che saranno contenuti originali dietro cui c’è un investimento di miliardi di dollari. Parliamo di Steven Spielberg, Sofia Coppola, Ron Howard, Jennifer Aniston, J.J. Abrams, Steve Carell e tanti altri. Eddy Cue, Senior Vice President of Internet Software and Services di Apple, nel corso della presentazione ha anticipato che “Apple TV+ ospiterà contenuti originali di altissima qualità, tra i migliori mai visti al cinema e in TV”.

All’atto pratico l’app Apple TV consentirà di accedere a show, film, sport e news, oltre che ai “channels”, tramite cui ci si potrà abbonare a singoli canali televisivi, come ad esempio HBO, Starz, SHOWTIME, CBS All Access, Smithsonian Channel, EPIX, Tastemade, Noggin e MTV Hits.

Previste inoltre più di 150 app di streaming di fornitori terzi, come Amazon Prime e Hulu, Canal+, Charter Spectrum, DIRECTV NOW e PlayStation Vue. Optimum e Suddenlink di Altice arriveranno entro fine anno, è invece scontata la presenza delle centinaia di migliaia di film e serie TV già oggi acquistabili o noleggiabili tramite iTunes.

Apple ha rilasciato alcune anticipazioni. Si preannuncia di grande interesse “Foundation”, indicato da Eddie Cue come la risposta di Apple a Game of Thrones, quindi ci si attende una super produzione ad altissimo budget basata sul ciclo della Fondazione di Asimov. Il progetto è diretto da David S. Goyer (The Dark Knight).

I fan di Jennifer Anniston apprezzeranno “Morning Talk Show”, una serie TV comedy ambientata in uno show televisivo della mattina. Sono già state confermate due stagioni da 10 episodi ciascuna. “Are You Sleeping” è una serie TV drama in stile The Good Wife, tratta dall’omonimo libro di Kathleen Barber. “Little America” è una commedia che tratta il tema dell’immigrazione in America, scritta da Kumail Nanjiani (l’indiano di Silicon Valley) e con protagonista Lee Eisenberg. Per gli appassionati del genere “sci-fi space” è invece in programma “See”, un drama creato da Steven Knight (Peaky Blinders) e diretto da Francis Lawrence (The Hunger Games) di cui non si conoscono dettagli.

INDIETRO

Apple TV+, News+ e Apple Card, tutte le novità dell’evento Showtime

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung Galaxy Fold in prenotazione in Europa dal 26 marzo, consegne dal 3 maggio. Costa 2.000 euro

prev
Articolo Successivo

Huawei P30 e P30 Pro, due nuovi smartphone top di gamma per chi ama le foto

next