I servizi per ascoltare musica digitale in streaming sono sempre più diffusi. Da una parte la connessione web ampiamente disponibile permette di accedere sempre e ovunque ai contenuti musicali. Dall’altra parte non serve più scaricare i file MP3 sul supporto da cui si vorranno ascoltare, con grande risparmio di spazio. Basta abbonarsi a un servizio per ascoltare tutta la musica che si vuole, componendo playlist personalizzate e fruibili anche offline. La domanda non è più se usare un servizio per la musica in streaming, ma qual è il servizio migliore per ciascuno.

I servizi di musica in streaming più importanti per volume d’utenza sono tre: Spotify, Apple Music e Amazon Music Unlimited. I primi due si spartiscono buona parte del mercato, con quote rispettivamente del 46% e del 18%. Amazon Music Unlimited è arrivato in Italia solo nel 2017, ma lo scorso anno si è affermato come l’alternativa più credibile ai primi due. I tre servizi si differenziano per caratteristiche, funzionalità e l’integrazione con le diverse piattaforme. Vediamo i punti chiave di queste tre opzioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Proteggere i porti europei dagli attacchi dei criminali informatici, anche l’Italia nel progetto Sauron

next
Articolo Successivo

Ricercatori italiani scoprono 10mila siti a rischio, tanti non avevano aggiornato i sistemi di sicurezza

next