“Tu sei un vero testa di ca**o Luca, sei bugiardo e infame”, queste le parole pronunciate da Riccardo Fogli contro Luca Vismara. A “L’Isola dei Famosi“, quando mancano poche ore alle semifinale, le tensioni aumentano e il clima si fa infuocato. Il cantante dei Pooh se l’è presa con l’ex concorrente di Amici perché quest’ultimo avrebbe riferito falsità a Marina La Rosa. Per Vismara il naufrago, parlando della collega, avrebbe detto: “Se Marina ha mal di pancia se ne può anche andare, non siamo in galera.”

L’ex gieffina chiede spiegazioni e Fogli sbotta contro il ragazzo: “Io dico una cosa così? Ho detto ‘va rispettato chi sta male’. Il riso è sacro, io non so che tipo di serpe sei, mi dispiace Luca, ti prego. Rinsavisci, guarisci. Hai capito male!“. Non solo, aggiunge parole come “instabile” e vermicello” per poi confermare le sue posizioni durante un confessionale: “Luca è un ragazzetto viscido, bugiardello, che a tutti i costi si inventa delle strategie. E’ evidente che lui è in nomination con Marina. Deve fare un polverone. Ha trovato la persona sbagliata“.

Vismara si è così difeso: “Sta cercando di mascherare tutto. Il fatto che mi abbia definito testa di…, instabile, verme, mi  fa pensare che ciò che ho detto l’abbia colpito perchè ho semplicemente tirato fuori la verità la verità delle cose. Non è facile purtroppo lottare contro chi le cose non le dice davanti alle telecamere. Io devo essere onesto con me stesso, con la verità delle cose che sento e che vedo”. Marina ha creduto alle sue parole, Soleil ha difeso Fogli così come ha fatto Maddaloni: “C’ero anch’io e Riccardo non ha detto niente.” Il reality, in crisi di ascolti e nel pieno delle polemiche, si avvia alla conclusione e per diverse agenzie di scommesse ad aggiudicarsi la vittoria dovrebbe essere proprio Riccardo Fogli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai1, Toto Cutugno in collegamento da Mosca con basco e stella rossa: “Sono un agente segreto, ora vado in Ucraina”

prev
Articolo Successivo

Il nome della rosa, “la serie tv è piena di errori. Umberto Eco si rivolterebbe nella tomba”

next