Alcune decine di dipendenti dell’Agenzia delle entrate ha contestato il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, in visita nella sede centrale di via Cristoforo Colombo. “Cigl, Cisl, Uil, Unsa e Flp protestano perché l’Agenzia, mentre santifica alla presenza del ministro il raggiungimento degli obiettivi nel 2018, non paga ai lavoratori il salario accessorio dal 2016 – ha spiegato Stefania Silveri, coordinatrice nazionale Fp Cisl Agenzia delle entrate -. Gli obiettivi non li raggiunge il direttore generale da solo, ma vengono ottenuti tramite il lavoro di queste persone”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decretone, ampliata platea pensione di cittadinanza: anche a famiglie anziane con un componente under 67 disabile

prev
Articolo Successivo

Migranti truffati e schiavizzati per lavorare nei campi: 35 misure cautelari

next