Mani e piedi ammanettate, la tunica bianca da carcerato, Brenton Tarrant si è presentato davanti ai giudici del Tribunale di Christchurch all’indomani della strage che ha provocato la morte di 49 persone. Poco dopo l’ingresso in aula, l’uomo ha fatto il saluto dei suprematisti, unendo pollice e indice. Le autorità neozelandesi potrebbero formulare nuovi capi d’accusa oltre all’omicidio e al ferimento di numerose persone. Il giudice ha disposto la detenzione provvisoria fino alla prossima udienza, fissata per il 5 di aprile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gilet gialli, tornano violenze e rivolte. Gruppi di blackbloc in azione. Negozi saccheggiati, a fuoco un palazzo del centro

next
Articolo Successivo

Nuova Zelanda, il killer aveva inviato alla premier il suo manifesto poco prima della strage

next