Mani e piedi ammanettate, la tunica bianca da carcerato, Brenton Tarrant si è presentato davanti ai giudici del Tribunale di Christchurch all’indomani della strage che ha provocato la morte di 49 persone. Poco dopo l’ingresso in aula, l’uomo ha fatto il saluto dei suprematisti, unendo pollice e indice. Le autorità neozelandesi potrebbero formulare nuovi capi d’accusa oltre all’omicidio e al ferimento di numerose persone. Il giudice ha disposto la detenzione provvisoria fino alla prossima udienza, fissata per il 5 di aprile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gilet gialli, tornano violenze e rivolte. Gruppi di blackbloc in azione. Negozi saccheggiati, a fuoco un palazzo del centro

next
Articolo Successivo

Nuova Zelanda, il killer aveva inviato alla premier il suo manifesto poco prima della strage

next