Guido Crosetto non è più deputato. La Camera ha accettato la richiesta di dimissioni presentata dall’esponente di Fratelli d’Italia con 231 voti a favore, 31 contrari e l’astensione di 126 esponenti di Lega, Fdi e Forza Italia. Al suo posto subentrerà Lucrezia Mantovani, milanese di 35 anni: la figlia di Mario, ex vicepresidente della Regione Lombardia e assessore alla Sanità della giunta Formigoni, era infatti la numero due della lista di Fdi nella circoscrizione d’elezione di Crosetto.

video di Alberto Sofia

L’uscita dall’Aula dell’ormai ex deputato è stata accompagnata dalla standing ovation dei parlamentari ai quali, in un breve intervento prima della votazione, aveva spiegato: “La mia è una decisione sofferta. Non è una scelta di convenienza ma è dettata dal ragionamento. Ho avuto in questi anni la consapevolezza di servire a qualcosa di più grande di me. Questa Aula ci da la consapevolezza del nostro ruolo, ci rende migliori. Ho rispettato tutti e da tutti sono stato rispettato. Sono onorato di essere stato qui. Il mio impegno politico continuerà”.

Dall’inizio della legislatura, Crosetto aveva presentato per tre volte la richiesta di dimissioni. Nelle prime due occasioni erano state respinte, nonostante per prassi la Camera solitamente voti contro la sola prima richiesta. Dietro la scelta di abbandonare Montecitorio, ufficialmente per “motivi personali”, c’è l’incompatibilità tra il ruolo di deputato e la presidenza dell’Aiad, la federazione delle aziende del comparto difesa, aerospazio e sicurezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Palazzotto (LeU) vs Salvini: “Abusi in Libia, Italia è complice”. “Per noi è Paese prioritario”

next
Articolo Successivo

Vaccini, Ascani (Pd) contro il ministro Bussetti: “La sua è una supercazzola. Fate i seri e dite che l’obbligo non si tocca”

next