“Dal 13 marzo saremo di nuovo in mare”. Ad affermarlo è Maso Notarianni, giornalista e membro di Mediterranea che, dichiara l’Ong italiana pronta a salpare di nuovo per il monitoraggio del Medirerraneo. La data fissata è quella del 13 marzo, giorno in cui l’equipaggio della “Mare Jonio” riprenderà la navigazione dalle coste italiane.

“Non c’è correlazione tra la presenza di Ong in mare e l’aumento di tentativi di fuga dalla Libia, la relazione è fra l’assenza dei soccorsi e l’aumento della percentuale dei morti in mare”. “Purtroppo – continua Notarianni – l’Italia ha stretto rapporti con bande armate e fazioni libiche che contestualmente gestiscono la schiavitù nelle galere e poi si travestono da guardia costiera, per far finta di salvare i migranti e riportarli indietro”. Secondo Notarianni, la nostra società è simile a quella degli anni ’20 del secolo scorso, quando facevamo finta di non vedere le persecuzioni religiose e politiche. “Ci troviamo in una situazione in cui tutti gli italiani possono vedere ciò che accade nel Mediterraneo, ma la viviamo come una estranea a noi. Non lo è, la responsabilità è nostra.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Honduras, dove abortire è illegale. “Ho interrotto la gravidanza perché violentata. Io in cella, l’aggressore libero”

prev
Articolo Successivo

La Locanda dei Girasoli di Roma ha bisogno di aiuto. E noi possiamo darglielo

next