“Matteo Salvini? Uno che lavora davvero per il bene dell’Italia”. Valeria Marini, ospite de “La Confessione” venerdì 8 marzo alle 22.45 su Nove, non nasconde al conduttore Peter Gomez la sua passione per il ministro dell’Interno: “Mi piace perché è una persona molto diretta, molto concreta, non si fa intimorire, non si ferma davanti alle difficoltà ed è una persona che veramente lavora per poter migliorare la situazione”. Il giornalista ribatte con una domanda sul caso Diciotti. “Secondo lei è giusto tenere dei minorenni su una nave senza farli scendere?”. “No, non è giusto – ragiona l’attrice – ma era anche giusto dare un segnale che non si può continuare ad andare avanti così. Il problema va risolto alla partenza. Non si deve permettere che partano queste navi”.

“La Confessione” (12 episodi per 30’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Confessione, Gomez a Marini: “Cosa ricorda dell’arresto di Cecchi Gori?”. “Una farsa. Droga? La mise qualcuno”

prev
Articolo Successivo

La Confessione, Gomez a Gratteri su Nove: “Perché Napolitano non la volle ministro?”. “Mi considerava troppo caratterizzato”

next