“Vorrei stringere la mano al capitano a nome di tutti gli italiani”. Queste le parole di un bambino che si è presentato, in divisa da poliziotto, davanti al leader della Lega Matteo Salvini. E’ successo a Potenza, nel pomeriggio del 7 marzo, durante un comizio in vista delle elezioni regionali del prossimo 24 marzo. Il bambino, figlio di un candidato leghista, ha pronunciato un lungo elogio al ministro dell’Interno. Lo stesso Salvini ha tentato di superare l’imbarazzo del momento tagliando corto: “Dov’è il babbo? dov’è la mamma? Non vorrei che si pensasse a un sequestro, già mi accusano di quello per il caso Diciotti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, Esposito (Pd): “Salvini vada fino in fondo a costo di far cadere il governo. Toninelli? Dice cose da avanspettacolo”

prev
Articolo Successivo

Care donne, non c’è (ancora) niente da festeggiare

next