Era in uno studio medico per sottoporsi a una liposuzione, quando è collassata ancor prima che l’intervento iniziasse. Una donna brianzola di 39 anni è ricoverata in condizioni molto gravi nel reparto di Neurorianimazione all’ospedale San Gerardo di Monza.

All’arrivo dei soccorritori del 118, intervenuti intorno alle 16 di ieri martedì 5 marzo, la donna era in arresto cardiaco. “Il quadro attuale di coma post-anossico – si legge nel bollettino diffuso dall’ospedale – è estremamente grave e la prognosi è riservata”. Le cause che hanno portato la paziente in arresto cardiaco rimangono da determinare, precisano i clinici.

Alla donna – secondo quanto emerso – era già stata praticata l’anestesia all’interno dello studio del dottor Maurizio Cananzi, titolare dell’omonimo studio di medicina estetica a Seregno, a cui la 39enne si era rivolta per un’intervento ai glutei. Il medico è indagato per lesioni colpose gravissime e i carabinieri hanno sequestrato l’attrezzatura dello studio. Sul caso indagano anche gli uomini del Nucleo antisofisticazione e sanità dell’Arma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Baby gang a Milano, 9 arresti e 5 fermi per rapine e lesioni. Il gip: “Grande pericolosità sociale, violenza da branco”

prev
Articolo Successivo

San Ferdinando, al via sgombero della tendopoli. Usb: “Operazione sproporzionata e irreale, non risolve problemi”

next