Andamento a due volti per il settore mutui nel mese di gennaio 2019: come riportato da un recente articolo di Immobiliare.it, le richieste di mutui casa sono diminuite del 6,4% su base annua. A tale calo è però corrisposto un aumento degli importi medi richiesti dalle famiglie italiane. Si tratta di una situazione di sostanziale continuità rispetto al 2018, messa in evidenza dall’ultimo Barometro Crif.

Meno richieste, ma più consistenti

La riduzione delle richieste di mutui per l’acquisto di immobili nel primo mese di quest’anno ha raggiunto una percentuale consistente, che tuttavia secondo gli esperti non rappresenta un campanello d’allarme. La contrazione del 6,4%, infatti, è bilanciata dall’incremento delle somme richieste dalle famiglie per finanziare le transazioni immobiliari: l’importo medio è aumentato dell’1,9% raggiungendo quota 128.124 euro. A gennaio 2019 la maggior parte delle domande presentate ha riguardato la fascia compresa tra i 100.001 e i 150.000 euro, che da sola ha rappresentato il 29,1% del totale.

Quale classe di durata?

La classe di durata preferita dagli italiani all’inizio di quest’anno si conferma ancora una volta quella compresa tra i 16 e i 20 anni (24,7%), seguita da quella che va dai 26 ai 30 anni (24,1%). In linea rispetto alle rilevazioni del 2018 anche la classe d’età di chi presenta più domande di mutuo o di surroga: la percentuale più consistente riguarda la fascia che va dai 35 ai 44 anni (34,1%), mentre gli under 35 coprono il 28,6% delle richieste.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Real estate non residenziale: investimenti in calo nel 2018

prev
Articolo Successivo

Residenziale: a Milano prezzi in aumento, Roma stenta a ripartire

next