In attesa del corteo di sabato 2 marzo “People – prima le persone“, i rappresentanti dell’ong Mediterranea e Sea Watch hanno partecipato a un convegno sulle migrazioni organizzato a Milano da Sinistra Italiana. Un’occasione per fare il punto sulla loro attività nel Mediterraneo.”Il mare è svuotato di navi per impedimenti amministrativi che sono basati sul niente di fatto – ha detto Alessandra Sciurba di Mediterranea – E quindi anche adesso che stiamo parlando ci sono persone che stanno morendo in mezzo a un mare che non solo è cimitero, ma è anche deserto. E ci sono persone che stanno sicuramente morendo in Libia”. Le ong hanno dato la loro adesione alla manifestazione del pomeriggio e sfileranno insieme ad altre centinaia di persone e rappresentanti della società civile: “Non sono in gioco i diritti degli altri, ma i nostri diritti. Governo calpesta stato di diritto e libertà civili”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Linardi (Sea Watch): “Nave è in cantiere, ma contiamo di tornare in mare a metà marzo”

next
Articolo Successivo

People, “200mila persone” in piazza a Milano contro il razzismo. Sala: “Un’altra Italia”, Salvini: “Messaggio al governo dato con il voto”

next